Una tradizione millenaria: la lunga storia delle Terme di Abano Terme e Montegrotto Terme si fonde con quella del popolo Euganeo e con l’antico culto di Aponus, dio dell’acqua termale e delle virtù curative. La cultura termale aponense è la più antica d’Europa, ed ha saputo superare l’empirismo studiando l’efficacia delle materie prime attraverso la ricerca e la prova scientifica. Abano Terme, Montegrotto Terme e il Bacino Termale Euganeo sono nel mondo la più grande realtà per la prevenzione e la cura dell’artrosi e di molte patologie legate ai muscoli e alle articolazioni e nei postumi di traumi e di fratture. Nella maggior parte dei dolori cronici alla base del sintomo del dolore c’è una infiammazione.
È il caso, ad esempio, dei dolori articolari e dei dolori reumatici, che originano dalle terminazioni nervose di cui è ricca la cartilagine che riveste le superfici a contatto delle articolazioni. Quando queste terminazioni percepiscono una infiammazione circostante, inviano il loro segnale doloroso che talvolta può degenerare in un dolore neuropatico cronico. Una prima azione delle cure termali è una azione antinfiammatoria, come quella accertata con numerosi lavori scientifici nelle acque e nei fanghi del Bacino Termale Euganeo, che ha come riflesso indiretto la diminuzione del dolore.
Esiste poi una componente interna del nostro organismo, le cosiddette endorfine, che rappresenta un vero e proprio analgesico naturale. La loro produzione (e quindi i loro effetti) risulta essere potenziata dall’azione delle sostanze contenute nei fanghi e nell’acqua del Territorio Queste endorfine, sino ad oggi considerate esclusivamente molecole antistress, potrebbero avere una importante azione antidolorifica in aggiunta all’azione antinfiammatoria. La risposta semplice e naturale alla domanda di salute e benessere psicofisico dell’individuo di oggi: la fangoterapia è il metodo naturale per migliorare la qualità della vita.La fangoterapia porta dei profondi e complicati mutamenti sull’organismo.

I fanghi termali esercitano in base alla loro speciale struttura, l’azione curative attraverso determinati stimoli che sono in particolare: azioni caloriche, sollecitazioni meccaniche, azioni fisico – chimiche e chimiche.
L’assorbimento, grazie alle particolari argille, di tutte le benefiche sostanze contenute nel fango e lo stimolo alla produzione di endorfine ne fanno un efficace e duraturo presidio terapeutico alternativo. Anche l’azione fisica del calore del fango determina un’azione iperemizzante collegata all’effetto della vasodilatazione, che si manifesta con arrossamento della pelle, procurando così un beneficio sui componenti l’apparato locomotore.
Per quanto riguarda la componente calorica, nessun altra sostanza al pari del fango comprende in sé proprietà fisiche e fisico-chimiche, che gli permettono di apportare tanto calore e di cederlo lentamente sul distretto infangato senza provocare disagio termico.
Inoltre si generano dei cambiamenti interni a livello cellulare, mutamenti della funzione escretoria della pelle, specie nei riguardi dell’acido urico, di cui viene aumentata l’eliminazione favorendo così un’azione disintossicante.