Salute ipertermale: crioterapia

Il frigidarium era una delle stanze principali delle antiche terme. Questo ambiente era caratterizzato da una temperatura molto fredda, grazie all’uso di acqua gelida proveniente da fonti naturali o pozzi sotterranei. L’immersione in acqua fredda mostrava proprietà terapeutiche a livello psicofisico.

Crioterapia

Questo sapere empirico diviene poi oggetto di ricerca scientifica, prendendo il nome di crioterapia. Si tratta di una tecnica che sfrutta appunto il potere del freddo per stimolare diverse reazioni nel corpo. Viene utilizzata per trattare una vasta gamma di condizioni e può fornire un sollievo rapido e duraturo. È spesso utilizzata per alleviare dolori muscolari e articolari in fase acuta, causati da infiammazioni, tensioni o infortuni — come contusioni, stiramenti, lussazioni e distorsioni. L’applicazione del freddo contribuisce a ridurre l’infiammazione e l’edema, limitando così il danno tessutale e accelerando il processo di guarigione. Inoltre, il freddo aiuta a ridurre la sensibilità dei recettori del dolore (rallentando la trasmissione dei segnali pertinenti al cervello), assicurando un immediato sollievo nelle prime fasi del trauma.

Oltre all’effetto analgesico, la crioterapia promuove anche il miglioramento della circolazione sanguigna. Quando il freddo viene applicato sulla pelle, i vasi sanguigni si restringono temporaneamente (vasocostrizione), per poi dilatarsi (vasodilatazione) una volta che la zona torna alla temperatura normale. Quest’effetto contrastante stimola la circolazione sanguigna, favorendo l’apporto di nutrienti e di ossigeno ai tessuti e contribuendo dunque al processo di guarigione.

La crioterapia può anche avere un effetto positivo sul sistema immunitario. L’esposizione al freddo stimola infatti la produzione di endorfine, sostanze chimiche naturali del corpo dalle proprietà analgesiche e in generale benefiche per l’organismo. Inoltre, la crioterapia può aumentare la produzione di citochine, proteine che svolgono un ruolo chiave nella regolazione della risposta immunitaria.

Infine, la crioterapia si dimostra efficace nel trattamento di disturbi infiammatori cronici come l’artrite. Il freddo agisce sull’infiammazione articolare, riducendo la sensazione di dolore e migliorando la mobilità. La crioterapia può essere utilizzata sia in forma locale, direttamente sulla zona interessata, che in forma generale, attraverso l’immersione del corpo in una camera criogenica.

THERMALIS HC

Il Criorex® di Thermalis

A partire dai principi della crioterapia termale, Thermalis ha realizzato Criorex Emulgel®, dispositivo medico contro ematomi e traumi.

Aggiornamento…
  • Nessun prodotto nel carrello.